Search
Close this search box.
Edit Content
Urvashi Barooah's rise in venture capital

Successo nel Venture Capital 1, l’ascesa di Urvashi Barooah

L’ascesa di Urvashi Barooah nel venture capital, dal rifiuto fino a diventare partner, mostra il viaggio inarrestabile di una ragazza indiana

Quando Urvashi Barooah ha fatto domanda per i programmi MBA nel 2015, il suo obiettivo era cercare venture capital. Nonostante sia stata respinta da tutte le scuole e le abbiano detto che il suo sogno era irrealistico, non si è scoraggiata. Il venture capital è un`attività di investimento istituzionale in capitale di rischio di aziende non quotate, in fase di start up, caratterizzate da un elevato potenziale di sviluppo

Nove anni dopo, Barooah, ora trentatreenne, viene promossa a partner presso Redpoint. Si è unita all’azienda come associata quattro anni fa ed è diventata principale alla fine del 2021. Redpoint, con sede nella Silicon Valley, sta investendo dal suo nono fondo da 650 milioni di dollari. Barooah è una dei tre partner focalizzati sugli investimenti nelle fasi iniziali.

Barooah ha ammesso che le scuole di business avevano in parte ragione. Sapeva che sarebbe stato difficile entrare nella piccola industria del venture capital senza contatti nella Silicon Valley. Tuttavia, non si è arresa. “Sembra impossibile a un certo punto,” ha detto Barooah. “Ero molto lontana dalla realtà. Conoscevo solo ciò che era scritto sui giornali.”

Crescendo a Guwahati, in India, Barooah ha osservato i suoi genitori gestire le loro attività. Suo padre gestiva un’azienda chimica e sua madre progettava e vendeva mobili. I suoi genitori l’hanno incoraggiata a forgiare il proprio percorso e a avviare la propria azienda. Sebbene ci avesse pensato, nessuna idea la entusiasmava. Invece, ha deciso di lavorare con i fondatori.

Nel 2017, dopo aver lavorato come consulente, Barooah ha fatto nuovamente domanda alle scuole di business negli Stati Uniti ed è stata accettata a Wharton. Si è concentrata sull’apprendimento di tutto ciò che riguardava il venture capital. Ha parlato con imprenditori, sviluppato una tesi di investimento e chiamato i venture capitalists.

Le chiamate a freddo hanno portato Urvashi Barooah dal rifiuto al successo nel venture capital

Dopo circa 50 chiamate a freddo, ha ottenuto uno stage presso Primary Venture Partners nel 2019. Poco dopo, ha ottenuto un altro stage presso Redpoint, che ha portato a un ruolo a tempo pieno.

L’educazione di Barooah non l’ha introdotta al venture capital, ma l’ha resa una venture capitalist migliore. Vedere i successi e i fallimenti dei suoi genitori le ha insegnato la resilienza negli affari.

“Hanno sempre lottato contro le avversità,” ha detto Barooah. “Mi hanno insegnato ad andare avanti nonostante i contrattempi. Se un’azienda affronta un ostacolo, è solo parte del percorso.” Il suo portafoglio include Dune Analytics, Offchain Labs e The Rounds. Ha anche due nuovi investimenti con ruoli nei consigli di amministrazione.

Barooah ha imparato che i migliori venture capitalists si adattano al mercato. Inizialmente, ha sostenuto aziende di blockchain e criptovalute, ma ora si concentra su startup SaaS verticali che utilizzano l’IA.

“Ho iniziato nel venture capital quattro anni fa senza sapere nulla,” ha detto Barooah. “Ho formato il mio giudizio su ciò che è una buona azienda. Ora ho più successi, il che mi dà fiducia per fare scommesse contrarian. Nel venture capital, si tratta di credere in cose in cui nessun altro crede e avere ragione.”

Racconta la tua storia di successo alla redazione di C500s e ispira gli altri, proprio come il viaggio di Urvashi Barooah nel venture capital.

Torna in alto